HomeAttrezzatura FotograficaSmartphoneBinning Pixel: Cos'è e come funziona?

Binning Pixel: Cos’è e come funziona?

Gli smartphone moderni ormai sono dotati di potenti sistemi di fotocamere e c’è molto dietro le quinte per rendere le tue foto bellissime. Una di queste cose è il binning pixel.

Devi aver visto come la pubblicità della Samsung utilizzare termini come “non binning” o “Pixel adaptiv” quando si riferisce al binning dei pixel, sostenendo che migliora le prestazioni in condizioni di scarsa illuminazione. Ma è vero? In questo articolo ti mostrerò cos’è il pixel binning, perché viene utilizzato e come funziona.

Perché gli smartphone utilizzano il binning pixel

Prima di imparare cos’è il pixel binning e come funziona, dovresti prima sapere perché esiste. Devi sapere che gli smartphone affrontano un grosso problema quando si tratta di fotocamere: la limitazione delle dimensioni. Un sensore della fotocamera è una lastra di milioni di pixel che cattura la luce ambientale come ben saprai, quindi, più pixel ci sono, più luce si riesce a catturare con la conseguenza di produrre un’immagine migliore.

Ora, se continuiamo ad aggiungere più pixel per marketing e sembrare migliore di fronte alle altre aziende, dovremmo anche continuare a ingrandire il sensore per adattarli e spesso questo viene dimenticato! Ovviamente non è semplice, anzi è difficile perché il modulo della fotocamera su un telefono è solo una parte del suo corpo; devi anche adattare la batteria, la scheda madre, l’altoparlante e la pletora di sensori che si trovano in uno smartphone.

Se guardi la classifica delle migliori fotocamere sui telefoni ti renderai conto che sono sempre Samsung e Apple che dominano il mercato!

Comunque per superare questa limitazione, le aziende tecnologiche hanno escogitato una soluzione intelligente. Invece di rendere il sensore assurdamente grande, hanno ridotto i pixel stessi, inserendo più pixel in un dato spazio per aumentare la risoluzione massima teorica dell’immagine.

Per riferimento, il sensore da 12 MP su iPhone 13 ha una dimensione dei pixel di 1,9 µm (micrometro), ma lo stesso è 1,22 µm sul sensore da 48 MP di iPhone 14 Pro. E il sensore da 108 MP del Galaxy S22 Ultra ha pixel di appena 0,8 µm, uno dei più piccoli mai visti.

Che cos’è il binning dei pixel? Come funziona?

Il binning dei pixel è una tecnica di elaborazione delle immagini in cui quattro o più pixel adiacenti in un sensore della fotocamera vengono combinati per formare un superpixel (o “tetrapixel” o “nonapixel” come lo chiama Samsung) che contiene la somma o il valore medio di tutti i pixel al suo interno .

Nota che i pixel non si spostano fisicamente o non si trasformano l’uno nell’altro a livello hardware; sono solo i loro dati fotonici che vengono combinati tramite software per imitare un pixel più grande.

Abbassare la risoluzione in questo modo consente al telefono di elaborare le foto più velocemente, in modo da poter visualizzare uno scatto subito dopo aver fatto clic su di esso. Al contrario, lo scatto a piena risoluzione aggiunge un carico di lavoro eccessivo e richiede molto più tempo per l’elaborazione.

Il Pixel Binning non garantisce foto migliori

Ecco l’amara verità quindi: il binning dei pixel è una soluzione a un problema falso. L’idea alla base del binning dei pixel è che consente di inserire più pixel ma più piccoli invece di pixel meno grandi ma più grandi su un sensore della fotocamera. 

Questo non è necessario perché un singolo pixel più grande catturerà sempre più luce!

In confronto, un superpixel della stessa dimensione che trasporta i dati fotonici di più pixel più piccoli deve indovinare come dovrebbe essere lo scatto finale e non sempre fa un ottimo lavoro. Questo è il motivo per cui le foto dei telefoni Samsung a volte sembrano “finte” mentre quelle degli iPhone sembrano più naturali con dei colori più coerenti.

Le aziende tecnologiche adorano vantarsi di quanti megapixel ha il loro nuovo sensore della fotocamera e, per questo motivo, l’utente medio di smartphone è arrivato a credere che un numero di megapixel più elevato significhi una migliore qualità dell’immagine. Non è così. La qualità dell’immagine è determinata più dalle dimensioni del sensore stesso, non dal numero di pixel su di esso.

Il numero di megapixel determina la risoluzione massima dell’immagine con cui il tuo telefono è in grado di scattare. L’unico vantaggio pratico di questo è che puoi ingrandire e ritagliare le tue foto senza che diventino sfocate. Il conteggio dei megapixel non ti dice nulla sulla scienza del colore, il bilanciamento del bianco, la gamma dinamica o qualsiasi altra cosa in quanto tale.

I presunti vantaggi del binning dei pixel non sono il risultato della tecnica stessa, ma dei potenti algoritmi di elaborazione delle immagini e del chipset del telefono. È quest’ultimo che fa il duro lavoro per rendere i tuoi scatti più luminosi, meno sgranati e più vivaci.

Il motivo per cui una foto a risoluzione inferiore con pixel bin a volte può avere un aspetto migliore di una foto a piena risoluzione è che l’applicazione di algoritmi di immagine è più difficile su una foto più grande poiché utilizza una maggiore potenza di elaborazione. Una foto più piccola può essere elaborata immediatamente.

Conclusione

Lo scopo del binning dei pixel, in definitiva, è quello di consentire di aumentare la risoluzione teorica massima dell’immagine che una fotocamera per smartphone può raggiungere, il tutto abbassandola abbastanza da consentire al telefono di elaborare rapidamente le foto per l’uso quotidiano.

Altri articoli che ti possono interessare:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO