‘Black Hollywood’: Il libro che ha mosso le acque

BLACK HOLLYWOOD LIBRO

Per undici anni, il fotografo Carell Augustus ha creato ritratti di attori neri riprodotti in film classici di Hollywood come “The Shining”, “Bonnie & Clyde”, “Dirty Dancing”, “The Graduate” e “Ritorno al futuro”. Il suo libro risultante, ” Black Hollywood: Reimagining Iconic Movie Moments “, dalla pubblicazione di Ebony Magazine, spera di correggere l’omissione lampante della rappresentazione dei neri nei media mainstream durante l’età d’oro di Hollywood.

Cresciuto negli anni ’80, ha detto Augustus, i neri erano assenti dal cinema tradizionale e dalle immagini della cultura pop. Nota una distinzione particolare tra il modo in cui le donne bianche e nere erano rappresentate all’epoca.

Come fotografo emergente nei primi anni, Augustus decise di mettere i neri in prima linea nel suo lavoro. L’idea di creare un libro che ricreasse momenti iconici di Hollywood con un cast tutto nero è nata il 25 giugno 2009, il giorno della morte di Michael Jackson.

Non so se è uno tra i migliori libri di fotografia del momento ma sicuramente è un’idea originale che ha fatto molto parlare e discutere.

Black Hollywood il libro di Carell Augustus

Ci sarà un seguito?

Questo è quello che ha dichiarato Carell Augustus in merito ad un sequel del progetto “Black Hollywood” al Los Angeles Times.

Ci deve essere una seconda parte perché ci sono molte cose che non ho avuto la possibilità di fare. Volevo davvero Serena Williams come il robot che hanno costruito in “Weird Science”. Siamo andati avanti e indietro e non siamo riusciti a farlo accadere. Volevo fare Lizzo dalla scena di “Flashdance” in cui fa cadere l’acqua su se stessa.

Vorrei convincere un paio di drag queen a fare qualcosa come “Hocus Pocus”. Ho fatto di tutto per ottenere delle drag queen per questo, ma è stato come cercare di mettere Melania Trump, Michelle Obama e Hillary Clinton nella stessa stanza.

Ho intenzione di iniziare una seconda parte, si spera quando tornerò dal mio tour del libro. Voglio fare [quello che] fa Ryan Murphy, dove fai in modo che molte delle stesse persone tornino e facciano qualcosa di completamente diverso. Penso che nel prossimo film mi concentrerò su molte pubblicità, invece che sui soli film. Penso che ci saranno più pubblicità dagli anni ’40 agli anni ’80, con anche alcune cose di intrattenimento. Quindi non mi ci vorranno 12 anni questa volta.

Altri libri che ti possono interessare:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.