HomeAttrezzatura FotograficaSupporti di MemoriaCome velocizzare il backup per Mac di Time Machine

Come velocizzare il backup per Mac di Time Machine

Fare il backup di Time Machine per il tuo Mac impiega troppo tempo? Preferisci non bloccare il tuo computer piuttosto che salvare le tue foto? Sbagliato! In questo articolo scoprirai come velocizzare i tempi con una modifica di macOS, utilizzando delle unità esterne più veloci o riducendo le dimensioni totali del backup.

Il backup iniziale di Time Machine richiede molto tempo

Se stai eseguendo il backup del tuo Mac per la prima volta o stai utilizzando un’unità nuova di zecca, Time Machine deve eseguire il backup di tutto quello che si trova sull’unità. Lo strumento di backup di Apple adotta un approccio comparativo al backup dei dati, in cui vengono copiati solo i dati nuovi o modificati ogni volta che si collega l’unità di backup.

Quindi, se hai inizialmente 100 GB di dati di cui eseguire il backup e apporti solo circa 500 MB di modifiche o aggiunte una settimana dopo, Time Machine dovrà solo copiare 500 MB di dati la prossima volta che lo colleghi. Questa non è una scienza esatta, e diversi processi (in background) influenzeranno la quantità di dati aggiunti o modificati, ma è una guida approssimativa.

Disabilita la limitazione del disco per migliorare le velocità

Time Machine è progettato per essere una soluzione di backup “invisibile”. Apple si aspetta che si muova in background, eseguendo il backup dei dati su disco senza influire su qualsiasi altra cosa tu stia facendo. Apple impedisce a questo tipo di operazioni su disco a bassa priorità di utilizzare troppe risorse del tuo sistema.

Se stai cercando di eseguire rapidamente un grosso backup iniziale di Time Machine (in modo da poter installare l’ultima versione di macOS , ad esempio), il processo di backup potrebbe essere artificialmente più lento di conseguenza. Fortunatamente, puoi disabilitare questa limitazione e lasciare che Time Machine occupi tutte le risorse di sistema necessarie per portare a termine il lavoro.

Per fare ciò, apri prima Terminale usando Spotlight o avviandolo dalla cartella Applicazioni> Utilità.

Ora digita o copia e incolla il seguente comando, premi invio, quindi autenticati con la tua password utente:

sudo sysctl debug.lowpri_throttle_enabled=0

Le operazioni su disco a bassa priorità come Time Machine sono ora libere di consumare quante più risorse di sistema possibili e di trasferire i dati alla massima velocità possibile. Chiudi la finestra Terminale e lascia che il backup venga completato.

Al termine, apri nuovamente Terminale ed esegui il comando seguente per ripristinare il sistema alle impostazioni predefinite:

sudo sysctl debug.lowpri_throttle_enabled=1

Usare un’unità di backup più veloce

La limitazione più probabile che influisce sulla velocità del backup di Time Machine è il tipo di unità che stai utilizzando e la velocità della connessione tra l’unità e il tuo Mac. Sfortunatamente, le unità più convenienti sono solitamente le più lente. Se decidi di sacrificare un vecchio disco rigido che non ti serve più per gli scopi di Time Machine, aspettati di aspettare un po’ per il completamento dei backup.

Puoi togliere ore al tuo tempo di backup se sei felice di dedicare un po’ di soldi al problema. Assicurati di acquistare un’unità che corrisponda alle migliori capacità che il tuo Mac ha da offrire se desideri le migliori prestazioni possibili.

Puoi scoprire di cosa è capace il tuo Mac utilizzando le specifiche tecniche sul sito Web di Apple (il modo più semplice è semplicemente cercare sul Web, ad esempio “Specifiche tecniche di MacBook Pro Retina 2012”) o utilizzando le informazioni di sistema per determinare quale versione di USB o Thunderbolt in uso.

Per fare ciò, fai clic sul logo Apple nell’angolo in alto a sinistra dello schermo, quindi tieni premuto il tasto Opzione sulla tastiera e fai clic su Informazioni di sistema. Ora vai su “USB” per vedere una versione (es. “USB 3.1 Bus”) e Thunderbolt per vedere la velocità massima possibile .

Puoi acquistare un’unità Thunderbolt 3 pronta per l’uso che si collega tramite la porta USB-C sul tuo Mac come l’  unità a stato solido (SSD) SanDisk Professional G-DRIVE Pro per ottenere velocità fino a 40 Gb/s in 1 TB o Dimensioni da 2 TB. Credo che vorrai un disco almeno delle dimensioni dell’unità interna del tuo Mac, quindi se lo riempi puoi eseguire il backup di tutto.

I dischi rigidi standard (HDD) o le unità flash sono le opzioni più economiche ma anche le più lente.

Riduci le dimensioni del backup

Meno dati decidi di eseguire come backup, minore sarà il tempo necessario per il completamento del backup. Puoi escludere le cartelle che non ti interessano utilizzando le preferenze di Time Machine. Per fare ciò, avvia Time Machine (in Impostazioni di sistema > Generali > Time Machine su macOS 13 Ventura o successivo, o Preferenze di Sistema > Time Machine su macOS 12 Monterey o precedente).

Fare clic su “Opzioni” e quindi utilizzare il pulsante più “+” per aggiungere le directory che si desidera escludere. Abbiamo scelto di escludere la cartella Download, le macchine virtuali Parallels e le applicazioni associate per risparmiare circa 100 GB.

Se lo fai mentre il backup è già in esecuzione, interromperai il processo e inizierà un conto alla rovescia prima che il backup riprenda. In questo modo non perderai alcun progresso poiché tutti i dati copiati sull’unità sono già presenti. È possibile recuperare spazio sull’unità se le directory escluse sono contrassegnate per l’eliminazione.

Evita reti lente

Puoi impostare Time Machine per eseguire il backup su un altro Mac tramite la rete, ma sebbene ciò sia conveniente e non richieda di collegare e scollegare le unità, è anche potenzialmente uno dei metodi più lenti di backup (almeno in termini di backup iniziale).

Avrai bisogno di una scheda di rete gigabit (o più veloce) e di una rete che supporti questo tipo di velocità per superare anche le velocità USB 2.0 (fino a 480 Mb/s). Se hai fretta di eseguire il backup delle cose, usa invece un’unità esterna. Se il tempo non è essenziale, un backup in rete è comunque un’ottima idea.

Leggi anche:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato per dare ai fotografi un'alternativa migliore, magari anche ad un prezzo conveniente! Iniziata come passione, Fotografia Moderna è diventata in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di lettori.
ALTRI ARTICOLI
ULTIMI ARTICOLI