Giovanni Gastel: Grandi Fotografi

giovanni gastel

Giovanni Gastel è stato un fotografo italiano noto per la fotografia di moda. 

Nato a Milano il 27 dicembre 1955, la sua carriera iniziò in uno studio seminterrato a Milano alla fine degli anni ’70, dove trascorse la maggior parte della sua giovinezza fotografando e perfezionando il suo mestiere da fotografo. Tra il 1995 e il 1996 ha lavorato per la casa d’aste Christie’s. 

La vita di Giovanni Gastel

La svolta nella carriera di Gastel arriva nel 1981 quando incontra Carla Ghiglieri, che diventa la sua agente e lo introduce nel mondo della moda. Dopo la comparsa delle sue prime nature morte sulla rivista italiana Annabella , inizia a collaborare con Vogue Italia. Negli anni ’80 e ’90 Gastel ha lavorato e sviluppato campagne pubblicitarie per le migliori case di moda italiane tra cui Versace, Missoni, Tod’s, Ferragamo e molti altri. 

Il successo nel suo paese d’origine, l’Italia, lo ha portato anche a Parigi negli anni ’90 dove ha lavorato per marchi come Dior, Nina Ricci, Guerlain oltre che nel Regno Unito e in Spagna. Sebbene la sua carriera sia iniziata nel mondo della moda, Gastel ha subito capito l’urgenza di esprimersi attraverso progetti più artistici. 

Nel 1997 riceve una mostra personale al Museo della Triennale di Milano a cura del critico d’arte Germano Celant. La Triennale ha portato Gastel ai vertici del mondo fotografico e dagli anni 2000 in poi il suo successo professionale si consolida quando il suo nome inizia ad apparire su riviste specializzate accanto a quelli di importanti fotografi italiani come Oliviero Toscani e Ferdinando Scianna , e di leggende internazionali come Helmut Newton , Richard Avedon , Annie Leibovitz e Jürgen Teller. 

Il successo e il successo professionale hanno aperto le porte a un altro lato del repertorio fotografico di Gastel che fino alla fine degli anni 2000 era rimasto inesplorato, la fotografia di ritratto. 

Anche questo è culminato in una mostra al MAXXI di Roma nel 2020 con i volti di molte persone del mondo della cultura, del design, dell’arte, della moda, della musica, dello spettacolo e della politica che Gastel aveva incontrato durante i suoi 40 anni di carriera. Alcuni dei ritratti notevoli includevano Barack Obama, Ettore Sottsass, Roberto Bolle e Marco Pannella. Attualmente Giovanni Gastel siede nel consiglio di amministrazione del Museo della Fotografia Contemporanea, partner istituzionale della Triennale di Milano e nel consiglio di amministrazione della Fondazione IEO-CCM.

Quando è morto Giovanni Gastel?

Purtroppo il grande fotografo italiano Gastel è morto di Covid il 13 Marzo del 2021 a Milano.

Migliori libri di Giovanni Gastel

The people I like

Presenza e assenza. Tutte le poesie

In offerta
Presenza e assenza. Tutte le poesie
  • Gastel, Giovanni (Autore)

Giovanni Gastel by Germano Celant

Giovanni Gastel
13 Recensioni
Giovanni Gastel
  • Celant, Germano (Autore)

Un eterno istante, la mia vita

Un eterno istante. La mia vita
  • Gastel, Giovanni (Autore)

Frasi di Giovanni Gastel

  • Ti racconto questa che fa un po’ capire il mio metodo morbido: ho fatto un ritratto a Michael Stipe [leader dei R.E.M.] per Vanity Fair. Mi avevano avvisato che sarebbe stato un po’ difficile. Infatti entra nella stanza e mi dice: “Sei tu il fotografo? Ho solo 5 minuti” Io: “Nessun problema”. Scatto la prima foto, gliela faccio vedere e lui esclama: “Cazzo! Forse un’ora posso trovarla”. Alle nove di sera eravamo ancora lì, e sono io che a un certo punto gli ho dovuto dire: “Michael, guarda che io devo andare a casa!”
  • Immerso nel flusso del vivere | ho cercato la mia anima | in modo casuale. | Ora | alla fine della corsa | trova tu me se puoi | spirito immortale. | Io ho nel cuore le ceneri di molti | non posso più vederli | se non nella vana teoria dei ricordi.
  • Cosa vuoi da me, tempo, che non smetti di scivolarmi addosso? E io qui, in mezzo, stretto e trascinato, come legato a te che corri e non ti fermi, non puoi fermarti.
  • Ed eccomi qui ora, cinquantottenne, a cercare di ricordare il passato. Ed esso torna da me, ma non organizzato, a folate disordinate, a visioni frammentate. Ho intravisto, correndo, la vita. Il ricordo ora me la ripresenta così, scomposta in quadri, in avvenimenti e persone che appaiono e scompaiono come accade nei sogni. Per un attimo alla ribalta e poi via di nuovo nel caos del tempo passato. Questo teatro è stata la mia vita.

Altri grandi fotografi:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.