HomeLezioni di FotografiaCultura4 Modi per modificare il DPI di un'immagine

4 Modi per modificare il DPI di un’immagine

Stampare una foto o un’illustrazione sembra che dovrebbe essere facile come stampare qualsiasi altra cosa, ma fidati che non lo è. Imposta il DPI in modo errato e ti ritroverai con foto lucide sfocate e di bassa qualità o un poster che viene stampato non più grande di un francobollo.

Se sei un designer o un fotografo, o vuoi semplicemente assicurarti che i tuoi scatti delle vacanze vengano stampati senza problemi, devi capire cos’è DPI e come modificare la risoluzione di stampa. Diamo un’occhiata insieme a tutto ciò che devi sapere sui DPI e su come modificare i DPI di un’immagine.

Che cos’è DPI e cosa significa 300 DPI?

DPI sta per “punti per pollice” ed è una specifica per la stampa e per l’impostazione della risoluzione di stampa di un’immagine.

Una stampa è composta da milioni di minuscoli puntini di inchiostro. L’impostazione DPI determina quanti punti la stampante rilascia su ogni pollice quadrato dell’immagine: 300 dpi significa 300 punti di inchiostro, mentre 150 dpi è la metà.

Devi capire come funziona DPI perché controlla le due cose più importanti nella stampa:

  1. La qualità della tua stampa . In termini semplici, un DPI più elevato significa una stampa di qualità superiore. La maggior parte delle buone stampanti domestiche può stampare a 300 dpi, che è il minimo consigliato per la stampa di alta qualità e le stampanti professionali molto più alte.
  2. La dimensione della tua stampa . Un pixel in un’immagine digitale equivale a un punto in una stampa. Quindi, se stampi un’immagine larga 1800 pixel a 300 punti per pollice, l’immagine stampata sarà larga sei pollici. Stampa la stessa immagine a 180 dpi e sarà larga 10 pollici. È matematica di base: basta dividere il numero di pixel per il DPI.

In che modo il DPI influisce sulle tue stampe

Ecco un’immagine per illustrare. Di seguito sono riportate due linee costituite dagli stessi 40 blocchi: la stessa dimensione e lo stesso colore. I blocchi sono meno fitti sulla riga superiore, il che equivale a un DPI inferiore; e più fitto sulla linea di fondo per un DPI più elevato.

L’effetto è chiaro. Sulla linea bassi DPI , il gradiente è molto meno fluido. Puoi vedere bordi chiari contro ciascuno dei blocchi. La linea è anche molto più lunga.

Sulla linea alti DPI , il gradiente è molto più uniforme. È quasi senza soluzione di continuità. La linea è anche molto più corta.

Questo dimostra l’equilibrio che spesso devi fare quando imposti la risoluzione di stampa: dimensioni contro qualità. Un’immagine DPI inferiore viene stampata in dimensioni maggiori, ma con una qualità inferiore. Se stai lavorando con immagini a bassa risoluzione, dovrai fare un compromesso tra i due.

Ove possibile, dovresti sempre salvare il tuo lavoro con la massima risoluzione possibile. Perché ridimensionare l’immagine per ingrandirla non migliorerà la qualità di stampa.

Quale DPI dovresti usare?

Tutto ciò pone la domanda: qual è il miglior DPI a cui stampare?

La regola standard è che dovresti mirare a un’immagine a 300 dpi. Questa è un’ottima qualità per le fotografie ed è discutibile quanti dettagli extra l’occhio umano possa persino discernere oltre quel livello.

Ma se la tua immagine è troppo piccola per essere stampata a 300 dpi, non preoccuparti. La distanza di visualizzazione prevista della stampa gioca un ruolo importante nella risoluzione di cui hai bisogno.

Con poster o immagini che intendi incorniciare, puoi farla franca con una risoluzione inferiore perché li guarderai principalmente da pochi metri di distanza. 200 dpi dovrebbero andare bene, o anche un po’ meno. Questo vale anche quando stampi su materiali diversi, come la tela, che contengono meno dettagli a causa della loro trama.

E questo continua. Più lontano intendi guardare la tua immagine, più bassa puoi impostare la risoluzione. Un cartellone pubblicitario progettato per essere visto dall’altra parte della strada potrebbe essere stampato a partire da 20 punti per pollice.

È anche importante notare che queste regole si applicano solo a foto e immagini raster. Se stai facendo un lavoro di progettazione grafica con immagini vettoriali ovviamente puoi ridimensionarle quanto vuoi senza alcuna perdita di qualità.

Come controllare il DPI di un’immagine

Per scoprire il DPI di un’immagine in Windows, fai clic con il pulsante destro del mouse sul nome del file e seleziona Proprietà > Dettagli . Vedrai il DPI nella sezione Immagine , denominata Risoluzione orizzontale e Risoluzione verticale .

Su un Mac, devi aprire l’immagine in Anteprima e selezionare Strumenti > Regola dimensioni . È etichettato Risoluzione .

Come modificare il DPI di un’immagine: 4 modi

Puoi modificare il DPI di un’immagine nella maggior parte dei pacchetti di grafica, comprese le migliori app di design . Avrai bisogno di un’app o di un servizio online se utilizzi Windows, poiché altrimenti non puoi modificare il DPI in modo nativo. Puoi modificare la risoluzione in Anteprima su un Mac.

Ricorda che DPI è solo una misura della risoluzione di stampa. La modifica del DPI non modifica la dimensione dell’immagine digitale o la dimensione del file.

Se stai lavorando con un’immagine che pensi di dover stampare, è una buona idea impostare la risoluzione di stampa di destinazione prima di ridimensionarla. Ciò contribuirà a garantire che non sia troppo piccolo per stampare in sicurezza nella dimensione preferita.

Come modificare DPI su Photoshop

Per modificare il DPI di un’immagine in Photoshop, vai su Immagine > Dimensione immagine . Deseleziona Ricampiona immagine , perché questa impostazione migliorerà l’immagine, riducendone la qualità.

Ora, accanto a Risoluzione , digita la tua risoluzione preferita, impostata su Pixel/pollici . Nota come cambiano anche le cifre di Larghezza e Altezza . Questo ti mostra la dimensione che stamperà la tua immagine.

Ovviamente puoi specificare la larghezza e l’altezza, in pollici o centimetri. Se lo fai, assicurati solo che il tuo DPI non scenda troppo in basso per degradare la qualità. Ciò può accadere se la tua immagine è piccola.

Come modificare DPI su GIMP

Per modificare il DPI di un’immagine in GIMP, vai su Immagine> Dimensioni di stampa . Inserisci il DPI preferito accanto a X Resolution , impostato in pixel/in . Anche la risoluzione Y dovrebbe aggiornarsi automaticamente.

Come in Photoshop, puoi invece impostare la larghezza e l’altezza fisiche. Ancora una volta, assicurati che il DPI non scenda troppo quando lo fai.

Come modificare il DPI online gratuitamente

Se sei in difficoltà e non hai a portata di mano il tuo programma di grafica preferito, puoi sempre modificare il DPI di un’immagine con Convert Town , un’app Web che cambia DPI, gratuitamente online.

Tutto quello che devi fare è inserire il DPI di cui hai bisogno per modificare l’immagine (risoluzioni comuni come 300 dpi sono disponibili come pratici preset), trascinare e rilasciare il file per caricarlo e attendere. Al termine della conversione, dovrebbe scaricare automaticamente l’immagine aggiornata nella cartella di download predefinita.

Come modificare DPI su macOS

Dovresti utilizzare una delle opzioni precedenti se utilizzi Windows. C’è una soluzione integrata su un Mac: Anteprima. L’app predefinita per la visualizzazione delle immagini ti consente anche di modificare il DPI di tali immagini ed è davvero facile da fare.

Apri l’immagine in Anteprima e vai su Strumenti > Regola dimensioni . Deseleziona la casella etichettata Ricampiona immagine per assicurarti di non aumentare o diminuire il numero di pixel nell’immagine. Ora, con Risoluzione impostata su pixel/inch , digita la risoluzione di destinazione (ad esempio 300).

Noterai che anche la larghezza e l’altezza cambiano, mostrandoti la nuova dimensione in cui verrà stampata l’immagine.

Ottieni stampe fotografiche migliori

Comprendere il significato di DPI è molto importante quando si stampa. È facile rovinare interi progetti perché stai lavorando a una risoluzione troppo bassa o ottenere stampe scadenti perché le stai stampando più grandi di quanto possano gestire.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO