Triangolo dell’Esposizione: La Guida

La guida definitiva alla spiegazione di come funziona il triangolo dell'esposizione.

0
977
Il triangolo dell'esposizione nella fotografia
Il triangolo dell'esposizione nella fotografia

Per molti fotografi il triangolo dell’esposizione è il concetto più difficile da capire, mette in relazione apertura, velocità dell’otturatore e la sensibilità ISO e questi 3 parametri hanno un legame molto particolare, che se combinati con la giusta formula permettono di trovare l’esposizione perfetta in una foto.

Ma non è solo una questione di rapporti, purtroppo il linguaggio fotografico è molto difficile a volte, e per confondere ulteriormente le idee, termini come “stop” e “f-stop” sono spesso usati in modo intercambiabile ma si riferiscono a cose diverse. 

In questo articolo, vorrei togliere un po di dubbi su questi concetti parlando del triangolo dell’esposizione e del perché è così importante per i fotografi. 

Tieni presente che i concetti di questo articolo sono semplificati per facilitare la comprensione dei principianti, soprattutto quando si tratta di ISO.

Questo articolo è una mia libera traduzione del favoloso articolo pubblicato su Photography Life che reputo essere la guida più semplice ed esemplificativa mai trovata.

Per questo motivo ho scelto di poterlo mettere a disposizione del pubblico italiano traducendolo per voi, in fondo all’articolo trovate il link all’articolo originale per comprendere al meglio il triangolo dell’esposizione fotografica.

Cosa sono gli stop

Prima di andare troppo nel profondo con il triangolo dell’esposizione in fotografia, iniziamo la nostra discussione parlando di che cos’è uno stop di luce.

Capire cos’è uno stop è la chiave per comprendere il triangolo dell’esposizione.

In fotografia, uno stop si riferisce al raddoppio o alla metà della quantità di luce che costituisce un’esposizione.

Ogni foto che scattiamo richiede una certa quantità di luce per essere esposta correttamente.

L’aggiunta di un stop di luce raddoppiando l’esposizione fotografica renderà più chiara l’immagine sottoesposta.

Al contrario, la riduzione di un’esposizione di uno stop (dimezzando la quantità di luce) scurirà un’immagine sovraesposta.

Quindi, come si aggiunge o si toglie uno stop di luce?

Dobbiamo cambiare l’apertura, la velocità dell’otturatore e / o ISO. Diamo un’occhiata a ciascuno di questi individualmente a questo punto.

Per approfondire il discorso comunque ti invito a leggere cosa sono gli stop nella fotografia.

Da cosa è composto il triangolo dell’esposizione

Vuoi un’esposizione fotografica perfetta ma non sai da cosa il triangolo dell’esposizione in fotografia è composto?

Questi tre parametri costituiscono i tre lati del triangolo dell’esposizione o anche detto triangolo esposimetrico.

Lavorano insieme per produrre una foto correttamente esposta. Se una variabile cambia, almeno una delle altre deve cambiare anche per mantenere la corretta esposizione.

La velocità dell’otturatore

La velocità dell’otturatore è la durata del tempo in cui la luce può colpire il sensore della fotocamera.

Si misura in secondi.

La velocità dell’otturatore è probabilmente il più semplice dei lati del triangolo di esposizione da capire.

Per raddoppiare la quantità di luce, dobbiamo raddoppiare la lunghezza dell’esposizione.

Ad esempio, spostandosi da una velocità dell’otturatore di 1 ⁄ 60  a 1 ⁄ 30   si aggiungerà uno stop della luce poiché l’otturatore rimarrà aperto il doppio del tempo.

Il passaggio da una velocità dell’otturatore di 1 secondo a 1/8 di secondo riduce l’esposizione di tre stop. Perché? Da 1s a 1 ⁄ 2  è uno stop. Quindi da 1 ⁄ 2 a 1 ⁄ 4  è un’altro stop. 

L’apertura del diaframma

L’apertura si riferisce alla dimensione del foro circolare nell’obiettivo che fa entrare la luce.

Più grande è il buco, più luce arriva al sensore. In effetti, ogni volta che raddoppi l’area di quell’apertura, raddoppi la quantità di luce o aumenti l’esposizione di uno stop.

D’altra parte, se è la metà dell’area dell’apertura, la metà della quantità di luce colpirà il sensore.

Ora senza entrare troppo nel tecnico, un f-stop è un rapporto che si riferisce alla dimensione di quell’apertura.

Matematicamente è uguale alla lunghezza focale dell’obiettivo divisa per il diametro dell’obiettivo. A prima vista i valori sulla scala f-stop sono confusi.

I numeri non sembrano avere alcun senso. Perché i valori piccoli corrispondono a aperture più grandi e viceversa? Per una semplice spiegazione.

Per capire perché grandi valori di f-stop si riferiscono a piccole aperture e piccoli numeri f-stop si riferiscono a grandi aperture richiede un po ‘di matematica. 

Guarda queste formule.

f-stop = lunghezza focale / diametro

e riorganizzalo per diametro, ottieni:

diametro = lunghezza focale / f-stop

Ciò significa che per ogni lunghezza focale, possiamo calcolare il diametro dell’apertura dividendo la lunghezza focale per il valore f-stop.

Ma quando dividi una lunghezza focale per un numero f-stop grande, il risultato è un diametro piccolo. Pertanto, l’area dell’apertura è piccola.

Viceversa, se si divide la stessa lunghezza focale per un piccolo numero f-stop, si ottiene un diametro maggiore.

Un grande diametro significa un’area più grande e più luce che passa attraverso l’apertura.

La sensibilità ISO

La variabile finale nel triangolo di esposizione sono gli ISO 

Puoi pensare all’ISO come alla sensibilità del sensore digitale (anche se è molto più complicato di così).

Valori più alti di ISO indicano che il sensore ha bisogno di raccogliere più luce per un’esposizione corretta.

Valori ISO bassi indicano che il sensore dovrà raccogliere meno luce per una buona esposizione.

Ecco qui sotto la scala ISO. Raddoppiare l’ISO equivale a un aumento di uno stop dell’esposizione.

Dimezzare l’ISO comporta una riduzione dell’esposizione di uno stop.

Come funziona il triangolo dell’esposizione

Per ogni fotografia, esiste una sola esposizione matematicamente corretta.

Tuttavia, ci sono centinaia di combinazioni di apertura, velocità dell’otturatore e ISO che possono essere utilizzate per creare tale esposizione.

La combinazione che scegliamo dipende da quale sia la nostra visione artistica per quella foto.

Per ora, diamo un’occhiata a come funzionano le tre variabili nel triangolo di esposizione.

Per ogni data esposizione, se una delle tre variabili cambia, è necessario regolare una (o entrambe) le altre nella direzione opposta.

Ad esempio, se hai deciso di ridurre la velocità dell’otturatore di due stop, dovrai aumentare l’apertura o ISO di due stop.

Come altro esempio, supponiamo che tu abbia aumentato l’ISO di quattro stop.

Quindi avresti bisogno di una riduzione equivalente di quattro stop in apertura o velocità dell’otturatore (o una combinazione dei due).

Proviamo a spiegarlo con un’analogia. Invece di luce, parliamo di pioggia. In particolare riempiendo i secchi con acqua piovana.

L’esposizione sarà la quantità totale di acqua raccolta. Diciamo che la nostra “esposizione” è di un gallone.

In questa analogia, la “velocità dell’otturatore” è il periodo di tempo in cui lasciamo il secchio fuori sotto la pioggia per riempirlo.

Quanto piove forte è la nostra “apertura“.

Un acquazzone sarebbe un’apertura spalancata (grande apertura, piccolo numero f-stop) mentre una leggera spruzzata equivarrebbe a un’apertura minuscola (piccola apertura, grande valore f-stop).

Infine, la larghezza del secchio rappresenta “ISO“. 

Ora, tutti i nostri secchi devono misurare un gallone per raccogliere la corretta “esposizione“.

Tuttavia, un secchio molto poco profondo e largo (pensa ISO molto sensibile, alto) si riempirà molto più velocemente di un secchio alto e fino (ISO basso).

Ci sono molti scenari che raccoglieranno la nostra “esposizione” da un gallone.

Per rendere le cose un po ‘più semplici, cambieremo una variabile e lasceremo che le altre due cambino. Cominciamo fissando gli ISO. 

Se abbiamo due secchi della stessa forma, potremmo tirarne fuori uno in un acquazzone per un breve periodo di tempo per raccogliere un gallone. 

Oppure, potremmo mettere l’altro a lungo fuori durante una leggera spruzzata per raccogliere lo stesso gallone d’acqua. Tuttavia, se mettiamo il secchio a lungo in un acquazzone, esporremo eccessivamente la nostra immagine. 

L’acqua si riverserebbe sul terreno! 

Al contrario, mettere il secchio in una leggera spolverata per un breve periodo di tempo non riempirebbe il secchio. Il nostro secchio sarebbe sotto esposto.

Ecco un altro scenario. Questa volta supponiamo che ci sia una pioggia costante. 

Se abbiamo un secchio largo, non avremo bisogno di lasciarlo fuori a lungo per raccogliere un gallone di pioggia. 

Tuttavia, se mettiamo fuori un secchio alto e fino da un gallone nella stessa pioggia, ci vorrà molto più tempo per riempire il secchio.

Infine, fissiamo l’ora in cui lasciamo i secchi all’esterno. Per raccogliere un litro di acqua abbiamo messo fuori il secchio largo e poco profondo in una pioggiarellina leggera. 

Oppure, potremmo mettere il secchio alto e fino sotto un acquazzone allo stesso tempo per raccogliere esattamente un litro di acqua piovana.

Come puoi vedere, ci sono molte combinazioni di “velocità dell’otturatore“, “apertura” e “ISO” che producono un gallone di “esposizione“. 

Una combinazione è migliore di un’altra? Bene, dipende da come vuoi che appaia la tua fotografia. 

Ciò che è importante è la comprensione del fatto che se si aumenta o diminuisce una variabile nel triangolo di esposizione di un numero di stop, è necessario compensare diminuendo o aumentando uno degli altri (o una combinazione degli altri) di un numero uguale di stop.

Ringrazio ancora PhotographyLife per la splendida risorsa che ha messo a disposizione della comunità fotografica. Questo è il link all’articolo originale.

Queste sono le altre guide sul triangolo dell’esposizione fotografico che ritengo perfette:

Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raccogliere più di 1 Milione di visitatori nel 2019 e quasi 2 Milioni di utenti nel 2020. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.