HomeAttrezzatura FotograficaObiettiviTamron 150-500 mm F/5-6.7: Recensione e Caratteristiche

Tamron 150-500 mm F/5-6.7: Recensione e Caratteristiche

Il Tamron 150-500mm F/5-6.7 Di III VC VXD è il primo super teleobiettivo zoom dell’azienda per fotocamere mirrorless Sony E-mount a pieno formato. Il suo diretto competitor è il Sony FE 200-600mm f/5.6-6.3 G OSS, che offre una portata del teleobiettivo maggiore anche se di poco ma anche fisicamente quasi il 50% più lungo, più pesante e più costoso da acquistare. Per questo il Tamron 150-500mm secondo me può essere una validissima alternativa.

Il 150-500 mm è molto simile per molti aspetti ad alcuni dei migliori obiettivi da 150-600 mm, come l’SP 150-600mm F/5-6.3 Di VC USD G2 di Tamron per DSLR Canon e Nikon, che è anche compatibile con quelle marche di fotocamere mirrorless tramite i rispettivi adattatori di montaggio. Ma il 150-500 mm è più compatto e leggero e si porta meglio, decisamente più bilanciato sui corpi mirrorless.

Uno dei migliori obiettivi Tamron? Sicuramente sì e lo vediamo meglio con le sue caratteristiche.

Contenuti che troverai nell'articolo

Scheda tecnica

  • Struttura 25 elementi in 16 gruppi
  • Angolo di campo: 5-16,5 gradi Lamelle del
  • Diaframma: 7
  • Apertura minima: f/22-32
  • Distanza minima di messa a fuoco: 0,6-1,8 m
  • Rapporto di ingrandimento massimo: 0,32-0,27 x
  • Dimensione filtro: 82mm
  • Dimensioni: 93x210mm
  • Peso: 1.725g + 155g

Caratteristiche

A colpo d’occhio, l’aspetto e la sensazione del Tamron 150-500mm sono molto simili a quelli del suo fratello G2 in formato DSLR 150-600mm, anche se in una struttura più piccola e leggera. La gamma di interruttori è praticamente identica per VC (compensazione delle vibrazioni) a tripla modalità, messa a fuoco automatica/manuale e limitatore di portata della messa a fuoco automatica. Allo stesso modo, l’obiettivo è dotato di un tipico interruttore di blocco dello zoom, ma puoi anche bloccare l’anello dello zoom in qualsiasi posizione desiderata, semplicemente facendo scattare l’anello di controllo in avanti.

A differenza di molti obiettivi Tamron, lo stabilizzatore ottico “VC” ha modalità operative commutabili e, come abbiamo detto, in questo caso ce ne sono tre. Le modalità 1 e 2 sono rispettivamente per riprese statiche e panoramiche. La modalità 3 è un’opzione di “priorità di inquadratura” che applica la stabilizzazione solo durante le esposizioni effettive. Ciò semplifica il tracciamento di oggetti in movimento irregolare nel mirino della fotocamera o sullo schermo posteriore, simile alla modalità 3 su alcuni teleobiettivi Canon e alla modalità “Sport VR” di Nikon.

L’obiettivo è completamente diverso dal 150-600 mm di Tamron in termini di messa a fuoco automatica. Mentre l’obiettivo basato su DSLR utilizza un sistema ultrasonico ad anello convenzionale, il 150-500 mm ha un motore passo-passo lineare che è super veloce, praticamente silenzioso e offre l’ulteriore vantaggio di transizioni di messa a fuoco automatica fluide durante l’acquisizione di filmati.

Ci sono non meno di 25 elementi ottici, disposti in 16 gruppi. Questi includono due elementi asferici ibridi, cinque elementi LD (Low Dispersion) e un elemento XLD (eXtra Low Dispersion). Il rivestimento BBAR-G2 (Broad-Band Anti-Reflection Generation 2) è caratterizzato per ridurre al minimo immagini fantasma e bagliori.

Oltre alla lunghezza focale massima leggermente meno generosa, rispetto al Tamron 150-600mm, il ridimensionamento è consentito anche da un valore di apertura f/5-6.7 leggermente più stretto all’estremità lunga. Anche così, c’è solo 1/6 di f/stop. L’anello di messa a fuoco è accoppiato elettronicamente anziché meccanicamente e offre una buona precisione per regolazioni manuali ultra precise.

La qualità costruttiva è molto buona, con una sensazione dura e di alta qualità. La costruzione include guarnizioni meteorologiche e un rivestimento al fluoro sull’elemento frontale, e tutti gli interruttori hanno una sensazione di fascia alta simile. In passato abbiamo criticato gli interruttori in alcuni obiettivi Tamron per avere sporgenze eccessivamente grandi. Li rende facili da usare quando si indossano i guanti ma è anche facile cambiare il loro stato accidentalmente. Questo non è un problema in questo caso, il design ha un buon equilibrio generale.

Parte dell’attrattiva del design ragionevolmente leggero e dell’efficace stabilizzatore ottico dell’immagine è che il Tamron è adatto alle riprese a mano libera. Pesa 1.725 g con l’anello di montaggio del treppiede staccato, riducendo di 155 g il peso complessivo. L’anello di montaggio stesso è di ottima qualità. Un bonus di design che abbiamo visto sempre più di recente è che il piede si inserisce direttamente nella piattaforma Arca-Swiss di un treppiede o monopiede compatibile.

Prestazioni

All’altezza della sua fatturazione, l’autofocus è estremamente rapido e compatibile con Fast Hybrid AF di Sony, se presente nella fotocamera. Dato che la gamma di zoom dell’obiettivo si adatta così bene alla fotografia d’azione, sportiva e naturalistica, le prestazioni di tracciamento rapide e accurate sono un grande vantaggio.

La nitidezza è per lo più eccellente per uno zoom super teleobiettivo così potente ma, come spesso accade, diminuisce leggermente all’estremità lunga della gamma di zoom. La frangiatura del colore è essenzialmente un non problema, anche se la distorsione a cuscinetto può essere leggermente evidente se non corretta nella fotocamera, nell’intera gamma di zoom.

Ho riscontrato che la stabilizzazione ottica vale circa 4 stop nelle prime fotocamere mirrorless Sony Alpha prive di stabilizzazione interna e un po’ di più con fotocamere stabilizzate. Quando si utilizza un treppiede o un monopiede, l’obiettivo è molto resistente allo scorrimento dello zoom, anche quando si scatta verticalmente verso l’alto o verso il basso ma, come accennato, è possibile bloccare l’anello dello zoom in qualsiasi posizione nell’intera gamma dello zoom, semplicemente facendolo scattare in avanti.

Le frange di colore sono trascurabili con tutte le impostazioni di zoom e apertura, anche ai bordi e agli angoli estremi dell’inquadratura. La correzione nella fotocamera è disponibile ma non necessaria.

Per una nitidezza ottimale all’estremità corta dell’intervallo di zoom, vale la pena ridurre un tocco da f/5 a f/5.6. Anche la nitidezza estrema dei bordi e degli angoli potrebbe essere leggermente migliore alla lunghezza focale di 150 mm. Nel settore medio della gamma dello zoom, la nitidezza è eccellente anche quando si scatta a tutta apertura. Come spesso accade, la nitidezza diminuisce un po’ alla massima lunghezza focale, ma rimane comunque molto buona.

Conclusione

La gamma di zoom di questo obiettivo lo rende estremamente attraente per la fotografia d’azione, sportiva e naturalistica, supportata da un autofocus super veloce e da una stabilizzazione ottica altamente efficace. È sufficientemente compatto e leggero per periodi prolungati di riprese a mano libera e il collare per treppiede rimovibile compatibile con Arca-Swiss è un ulteriore vantaggio in termini di maneggevolezza.

Altri articoli:

Alessio Fabrizi
Alessio Fabrizi
Alessio, fondatore di Fotografia Moderna dal lontano 2015 con l'obiettivo di creare una community unita di fotografi italiani. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche e consigliare con guide all'acquisto le migliori alternative sul mercato. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno finendo per essere un lavoro a tempo pieno dove ogni giorno impiego il mio tempo per cercare notizie o migliorare il sito.
ALTRI ARTICOLI

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO