HomeFotografiGrandi Fotografi45 Fotografi più Famosi della Storia

45 Fotografi più Famosi della Storia

Ansel Adams, Oliviero Toscani, Salgado e Robert Capa... Sono solo alcuni dei nomi dei fotografi più famosi della storia, in questa pagina troverai 30 nomi che sono rimasti impressi nella fotografia.

Le fotografie segnano il tempo, ma quali sono i fotografi più famosi della storia? Quali sono i personaggi più importanti che hanno lasciato la loro impronta nel mondo fotografico, che hanno realizzato qualcosa che nessun’altro aveva fatto prima o che hanno avuto una grande influenza sulle generazioni successive? Non stiamo cercando solo fotografi che hanno scattato una semplice fotografia ma che hanno prodotto un vero e proprio percorso che in molti sperano di seguire.

In questa classifica ho messo a disposizione i nomi dei fotografi più importanti della della storia in modo da prendere ispirazione da loro, fotografi che si sono contraddistinti nel corso degli anni per il loro stile inconfondibile e unico.

Le caratteristiche che hanno contraddistinto questi fotografi e che ho tenuto in considerazione prima di inserirli in questa classifica: unicità, originalità, creatività, coraggio.

La classifica dei 45 fotografi più famosi della storia

Questa è la mia classifica personale dei fotografi più famosi e importanti della storia. Per stilarla ho tenuto conto del forte impatto sociale e creativo che hanno avuto con il loro stile, e proprio per questo è stato inserito anche Oliviero Toscani. Anche se è molto discusso dalla critica fotografica, è indiscutibile il fatto che abbia contribuito in maniera netta ad una nuova espressione comunicativa italiana.

Henri Cartier-Bresson (22 agosto 1908 – 3 agosto 2004)

Henri Cartier Bresson
Henri Cartier Bresson

Il fotografo dei fotografi, Cartier-Bresson, ha avuto un enorme impatto sul fotogiornalismo moderno e sulla sua affermazione come forma d’arte. I suoi successi includevano la co-fondazione dell’agenzia Magnum nel 1947 ed eccelleva nel lavoro di documentari, ritratti e paesaggi. Il suo concetto di catturare un evento nel “momento decisivo” è stato estremamente influente.

Per molti è considerato come il miglior fotografo di sempre.

Leggi la storia completa di Henri Cartier Bresson


Sebastião Salgado (8 febbraio 1944)

Sebastiao Salgado
Sebastiao Salgado

Salgado è una superstar del fotogiornalismo moderno. Inizialmente ha studiato economia, ma ha intrapreso una carriera nella fotografia nel 1973. Il suo lavoro in bianco e nero su scala epica si è concentrato in particolare sull’ingiustizia sociale e sulla povertà e negli ultimi 45 anni ha realizzato una serie di importanti progetti internazionali a lungo termine.

Personalmente? Il mio fotografo preferito.   

Leggi la vita, la storia e le curiosità di Sebastiao Salgado


Ansel Adams (20 febbraio 1902 – 22 aprile 1984)

Ansel Adams
Ansel Adams

Fotografo statunitense, famoso per i suoi scatti in bianco e nero dei parchi nazionali americani.
Fondatore dell’associazione “Gruppo f/64” (straight photography) insieme a Willard Van Dyke e molti altri
Ansel Adams ha inventato da tecnica del sistema zonale.
Questa tecnica permette di trasporre la luce in specifiche densità sul negativo e sulla carta, in modo da avere un maggiore controllo sulla foto.
È stato uno dei principali pionieri dell’idea della visualizzazione della stampa finita, basata sui valori di luce acquisiti.
Curiosità: Nel 1906, all’età di 4 anni, è stato vittima di un incidente in seguito ad un terremoto, cadendo si frattura il naso, gli resterà deforme per tutta la vita.

Guarda i libri di Ansel Adams per conoscerlo meglio.


Irving Penn (16 giugno 1917 – 7 ottobre 2009)

Irving Penn
Irving Penn

Fratello del famoso regista Arthur Penn, si è distinto per il suo stile classico e unico.
Ha fondato uno stile fotografico all’avanguardia, con il soggetto in forte contrasto con lo sfondo, facendolo cosi risaltare subito.
Lo stile di Irving Penn prevedeva di disporrere il soggetto con alle spalle due fondali disposti ad angolo.


Robert Capa (22 ottobre 1913 –  25 maggio 1954)

Robert Capa foto del soldato ucciso in guerra
Robert Capa foto del soldato ucciso in guerra

Fotografo ungherese, è stato uno dei fotografi di guerra più importanti di sempre.
Nella sua carriera è stato testimone di ben 5 guerre:

  • La Guerra Civile Spagnola
  • La Guerra Sino-Giapponese
  • Seconda Guerra Mondiale
  • Guerra Arabo-Israeliana
  • Prima Guerra d’Indocina

Nel 1936 Robert Capa è autore di una delle foto di guerra più famose della storia, il soldato con la camicia bianca colpito a morte.
La foto è stata scattata a Cordova e ritrae il soldato dell’esercito repubblicano ucciso da un proiettile sparato dai franchisti.
La fotografia di Capa è considerata come la più famosa tra le fotografie di guerra mai esistite.
Dopo questa foto, pubblicata sulle maggiori riviste (VU -Life etc) diviene sempre più famoso, fondando nel 1947 la famosa agenzia Magnum Photos insieme a Bresson e altri. Puoi godere dei suoi capolavori comprando uno dei libri di Robert Capa, sono raccolti i principali successi.

Considerato dai professionisti come il fotografo più famoso ed importante di sempre.


Robert Doisneau (14 aprile 1912 – 1º aprile 1994)

Robert Doisneau e la foto Bacio davanti all'Hotel de Ville
Robert Doisneau e la foto Bacio davanti all’Hotel de Ville

Fotografo francese, Robert Doisneau, ha trascorso la sua vita parigina fotografando strade e volti della capitale.
Il suo stile unico prevedeva la caratterizzazione della società e dell’ambiente parigino tramite i suoi scatti.
Immortalava bambini che giocavano per strada, lavoratori, qualsiasi persona che poteva trasmettere un emozione per le vie di Parigi.
La fotografia più famosa di Doisneau è “Bacio davanti all’Hotel de Ville“, scattata nel 1950, con protagonisti una coppia di ragazzi che si baciano serenamente per le vie caotiche di Parigi.

Guarda i migliori libri di Robert Doisneau per poter conoscere meglio l’artista.


Julia Margaret Cameron (1815-1879) 

Julia Margaret Cameron è stata uno dei primi fotografi a esplorare il potenziale della fotografia come forma d’arte espressiva. Lavorando a metà del XIX secolo, ha creato un corpus di lavori su lastre di vetro negative che includevano sia la famiglia che gli amici e famosi vittoriani come lo scienziato Sir John Herschel e il poeta Alfred, Lord Tennyson.


David LaChapelle (11 marzo 1963)

David LaChapelle fotografia con Cameron Diaz
David LaChapelle fotografia con Cameron Diaz

Famoso fotografo nel campo della moda e della pubblicità per il suo stile surreale.
Le sue fotografie spesso sono caratterizzate dall’estremizzazione dei dettagli, arrivando spesso a renderle quasi delle caricature.
Il primo a notare il talento di LaChapelle fu Andy Warhol, che gli offri un lavoro per la rivista Interview magazine.
Le sue foto sono state pubblicate sulle riviste più importanti: Vanity Fair, GQ, Vogue e Rolling Stone.
Tra i suoi lavori più importanti ci sono le campagne pubblicitarie per: Nokia, Tommy Hilfinger, Diesel, Smirnoff, H&M, Armani Jeans, Motorola, L’Oreal, Lavazza

Curiosità: Ha realizzato il promo della Prima Stagione di Desperate Housewives e di Lost.


Steve McCurry (24 febbraio 1950)

Steve McCurry e la Ragazza Afgana
Steve McCurry e la Ragazza Afgana

Fotoreporter statunitense, famoso per la sua fotografia “la Ragazza Afgana” diventata una delle copertine più famose della rivista National Geographic, finendo poi per farsi arrestare.
La sua vita professionale è cambiata dopo il famoso viaggio in India che lo ha segnato sotto il profilo spirituale.
Proprio dopo questo viaggio McCurry ha imparato a guardare ed aspettare “Se sai aspettare le persone si dimenticano della tua macchina fotografica e la loro anima esce allo scoperto”.
Le regole compositive di Steve sono diventate famose tanto che le ha espresse in un articolo.
Le curiosità, la storia e la vita completa di Steve McCurry


Oliviero Toscani (28 febbraio 1942)

Oliviero Toscani e la campagna sulla pena di morte per Benetton
Oliviero Toscani e la campagna sulla pena di morte per Benetton

Fotografo Italiano, conosciuto soprattutto per i suoi spot pubblicitari molto forti.
È uno dei maggiori esponenti della fotografia italiana.
Ha colllaborato con i giornali come: Chanel, Fiorucci, Vogue, Esquire, Stern, Prenatal.
Dal 1982 ha cominciato a seguire le campagne pubbicitarie per Benetton, una storica collaborazione che termina nel 2000.
Collaborazione terminata in seguito alle controversie scatenate dalla pubblicità “i condannati a morte in Usa.”
Infatti, nel 2000, venne accusato dallo stato del Missouri di aver fotografato con l’inganno dei condannati a morte.
Secondo l’accusa del Missouri, Toscani non avrebbe specificato in anticipo lo scopo commerciale di quelle foto.
Oliviero Toscani si giustifico negando che lo scopo principale era quello pubblicitario, il vero scopo era la denuncia sociale verso i valori umani.
Guarda le foto più famose di Oliviero Toscani


Diane Arbus (14 marzo 1923 –  26 luglio 1971)

Diane Arbus e il ragazzo con la Granada
Diane Arbus e il ragazzo con la Granada

Fotografa Newyorkese, è conosciuta maggiormente per i suoi fotoritratti.
Nelle sue fotografie Diane Arbus ha cercato di esprimere la diversità in ogni volto, cercando di uscire dalla normalità.
Mai indiscreta, nella maggior parte dei suoi ritratti cercava di mettere il soggetto a proprio agio.
Questa calma apparente creava un effetto contrario con lo spettatore che si sentiva a disagio.
La sua fotografia più famosa è “Il ragazzo con la granada giocattolo” scattata a Central Park nel 1962.
La foto vede come soggetto un ragazzo che tiene con la mano destra una granata giocattolo, mentre con la mano sinistra imita un artiglio.
La particolarità di questa foto è l’espressione del ragazzo, quasi indemoniata.
Diane Arbus ha raccontato in un’intervista come è nata quella foto:

Il ragazzo era fermo, mentre io gli giravo intorno per cercare l’angolo giusto. Poco dopo il ragazzo divenne impaziente, creando in quel momento l’espressione ritratta nella foto.
Quell’espressione faceva trasparire l’indisposizione del ragazzo, che sommata alla granada era un ritratto della violenza.


Bill Brandt (1904-1983)

Brandt, che è nato in Germania ma si è stabilito in Inghilterra, ha portato il suo stile fotografico distintivo a una vasta gamma di generi. A partire dagli anni ’30, il suo lavoro includeva immagini di documentari sociali di paesaggi ricchi e poveri, suggestivi ed emotivi, ritratti spigolosi e inquietanti e studi di nudo distorti ed estremi. 

Leggi la vita di Bill Branbt.


Richard Avedon (1923-2004)

Storia di Richard Avedon

Avedon è uno dei fotografi americani più noti del XX secolo. È stato acclamato per i suoi ritratti di celebrità e fotografie di moda per riviste tra cui Vogue e Harper’s Bazaar , ma anche per i suoi potenti ritratti in bianco e nero di persone comuni, come il lavoro nel suo libro del 1985 In the American West .

Scopri la vita di Richard Avedon.


Margaret Bourke-White (1904-1971)

Conosciuta come “Maggie l’indistruttibile”, Bourke-White è stata la prima corrispondente di guerra donna e la prima fotoreporter donna della rivista Life. Tra i suoi principali successi ha fotografato le tempeste di fuoco in tempo di guerra a Mosca e il rilascio dei prigionieri dei campi di concentramento. In seguito, è stata la prima fotografa straniera autorizzata a scattare foto del piano quinquennale sovietico e a documentare la violenza durante la spartizione dell’India.


Cecil Beaton (1904-1980)

Cecil Beaton è stato uno dei più grandi fotografi di moda e ritrattisti del XX secolo. Affascinato dal mondo della fotografia glamour, dall’eleganza e dallo stile, ha creato una vasta gamma di immagini per riviste tra cui Vogue e Vanity Fair degli anni ’20-’70 diventandone uno dei principali esponenti. I suoi talenti creativi si sono estesi al costume e alla scenografia per film e produzioni teatrali.


Alfred Stieglitz (1864 -1946)

Alfred Stieglitz è stato un gigante della fotografia del tempo e un importante pioniere del mezzo. Nel 1890 sostenne la controversa tesi che la fotografia fosse una forma d’arte importante quanto la pittura o la scultura, uno dei principali dibattiti tra gli artisti. Ha continuato a diventare un sostenitore della fotografia “dritta” e non manipolata e un instancabile promotore del lavoro di altri fotografi. 


Eva Arnold (1912-2012)

Sebbene famosa per i suoi ritratti di icone pop tra cui la celebre Marilyn Monroe, Eve Arnold è stata una fotoreporter e membro della società Magnum Photos per oltre 50 anni. Preferendo lavorare alla luce naturale, ha scattato una vasta gamma di lavori dal bizzarro al serio, inclusi saggi fotografici sul movimento per i diritti civili e sui lavoratori agricoli.


Bruce Davidson (nato nel 1933)

Uno dei più importanti fotografi documentaristi americani, Bruce Davidson si è concentrato su outsider e gruppi emarginati nella società acquisendone una visione intima delle loro vite immergendosi nei suoi soggetti, che fossero bande di adolescenti a Brooklyn, artisti circensi o residenti di un singolo isolato ad Harlem. Una panoramica del secondo strato sociale americano.


Dorothea Lange (1895-1965)

Lange è stata una pionieristica documentarista e fotoreporter dei tempi duri in America. Sebbene avesse uno studio di ritratti nella prima parte della sua carriera, si dedicò a documentare i disoccupati e i senzatetto durante la Grande Depressione degli anni ’30. La sua immagine più famosa, Migrant Mother (1936) mostra una donna povera e i suoi figli dove lo sguardo della donna è talmente forte che è considerata come una delle immagini più potenti nella storia delle fotografie.

Leggi la vita di Dorothea Lange.


Alex Webb (1952 )

Alex Webb è un rinomato fotografo noto per le sue immagini vibranti e catturanti. La sua fotografia si distingue per l’uso audace del colore, le composizioni complesse e l’abilità nel cogliere i momenti decisivi. Webb ha viaggiato in tutto il mondo, catturando scene di vita quotidiana, culture diverse e paesaggi urbani. Le sue fotografie raccontano storie complesse e offrono una prospettiva unica sulle dinamiche umane. Con la sua maestria tecnica e la sua sensibilità artistica, Alex Webb continua a ispirare e affascinare gli appassionati di fotografia di tutto il mondo.


Harold Edgerton (1903-1990)

In raltà Edgerton era un ingegnere elettrico ed è stato il primo ad inventare il primo flash elettronico. Ha realizzato un gran numero di splendide fotografie con flash ad alta velocità che mostrano cose letteralmente mai viste prima che non si riuscivano a fotografare senza l’aiuto di una luce esterna. Includevano un proiettile che passava attraverso una mela, uccelli in volo o più scatti flash di sportivi o ballerini in azione.


Bert Hardy (1913-1995)

Mentre lavorava per la rivista Picture Post, Bert Hardy è diventato uno dei fotografi più amati della Gran Bretagna, noto per le sue immagini coinvolgenti e affettuose della gente comune. Ha avuto incarichi durante la guerra di Corea. Negli anni ’50 e ’60 è diventato uno dei fotografi pubblicitari di maggior successo e più pagati del Regno Unito.   


William Eggleston (nato nel 1939)

La storia di William Eggleston

Eggleston celebra lo straordinario nel quotidiano delle vite di tutti i giorni, la semplicità. Il suo stile “istantanea”, combinato con l’uso di metodi di stampa a trasferimento di colore saturi di colore, ha elevato i soggetti ordinari al livello dell’arte. È considerato uno dei fotografi chiave il cui lavoro ha aiutato la fotografia a colori a diventare una forma d’arte accettata.  

Leggi la vita di William Eggleston.


Robert Frank (1924)

Il fotografo Robert Frank

Robert Frank ha iniziato come fotografo editoriale e commerciale, ma nel 1958 ha pubblicato il suo libro seminale di fotografia documentaria, The Americans, uno dei libri di fotografia più importanti della storia, realizzato durante un viaggio in giro per il paese, dando una visione personale e estranea della sua gente e del popolo americano. Era non convenzionale nello stile e nella tecnica, ma era enormemente influente. 

Leggi la vita di Robert Frank.


Philippe Halsman (1906-1979)

Philippe Halsman nella sua carriera si è specializzato in ritratti e moda e ha lavorato per riviste di alto profilo tra cui Vogue e Life, le più importanti del periodo. Stile, brio e inventiva visiva erano al centro del suo lavoro e ha fotografato le principali figure della sua epoca, tra cui Albert Einstein e Winston Churchill. La sua immagine più famosa è senza dubbio il suo capolavoro surreale, Dalì Atomicus.


Man Ray (1890-1976)

La biografia di Man Ray

Ray era un pittore, regista e scultore, nonché un fotografo creativo, influenzato dal Surrealismo, le sue immagini più note sono state realizzate utilizzando la tecnica della solarizzazione portando la fotografia a un nuovo livello creativo.

Leggi la vita di Man Ray.


Alfred Eisenstaedt (1898-1995)

Alfred Eisenstaedt fotografia bacio del barinaio
Alfred Eisenstaedt fotografia bacio del barinaio

Alfred Eisenstaedt ha realizzato oltre 2500 incarichi per la rivista Life, tra cui saggi fotografici su soggetti tra cui John F Kennedy e città devastate in Giappone dopo la seconda guerra mondiale. La sua immagine singola più nota è VJ Day in Times Square , che mostra un marinaio che bacia spontaneamente un’infermiera.


Art Wolfe (1951)

Art Wolfe è un fotografo d’arte prolifico, instancabile e creativo, con una vasta gamma di interessi che spaziano dalla natura ai paesaggi, dalle culture indigene ai nudi dipinti con il corpo in studio. Nel corso dei suoi 40 anni di carriera, ha realizzato oltre 90 libri, tra cui “The Living Wild”, che affronta l’importante tema della conservazione, e “Vanishing Act”, che esplora il camuffamento nella natura.


Don McCullin (nato nel 1935)

Sebbene sia noto soprattutto per le immagini che ritraggono la brutale realtà della guerra in Vietnam, Cipro e Cambogia, il lavoro di McCullin, apprezzato a livello internazionale, include immagini documentarie nella sua nativa Inghilterra e paesaggi oscuri e lunatici. Coraggioso e risoluto nella ricerca di una storia, è stato nominato cavaliere per i servizi alla fotografia nel 2017. 


Joel Meyerowitz (nato nel 1938) 

Meyerowitz ha iniziato la sua carriera fotografica come fotografo di strada pionieristico nei primi anni ’60 prima di dedicarsi alle opere d’arte di grande formato con il libro bestseller Cape Light . Ha pubblicato più di 20 libri, tra cui Aftermath , un corpo di lavoro che documenta Ground Zero dopo gli attacchi terroristici al World Trade Center nel 2001.


Walker Evans (1903-1975)

Evans è famoso soprattutto per il suo lavoro negli anni ’30 sulle famiglie colpite dalla povertà durante l’era della Depressione. Il suo lavoro poetico ha celebrato la bellezza nella vita di tutti i giorni e ha lavorato utilizzando fotocamere 10×8 di grande formato per il massimo dettaglio e chiarezza uscendo dal classico.

Leggi la vita di Walker Evans.


Annie Leibovitz (nata nel 1949)

Migliori libri di Annie Leibovitz

Lavorando per riviste come Rolling Stone, Vanity Fair e Vogue Annie Leibovitz è diventata il fotografo ritrattista più famoso al giorno d’oggi. È nota per le produzioni elaborate e fantasiose ad alto budget con le celebrità più famose del mondo. Le sue immagini più iconiche includono foto di John Lennon il giorno in cui fu assassinato e una Demi Moore nuda e incinta.


Lewis Hine (1874-1940)

Hine è stato un importante fotografo documentarista che ha fotografato le cattive condizioni lavorative nelle fabbriche americane. Nonostante sia stato spesso minacciato dai proprietari delle fabbriche, si è concentrato sulle condizioni di lavoro e sul lavoro minorile e le sue immagini scioccanti hanno influenzato direttamente i cambiamenti nel diritto del lavoro americano favorendone i miglioramenti.


Robert Mapplethorpe (1946-1989)

Robert Mapplethorpe, la storia

La fredda precisione e la splendida illuminazione dei sensuali studi sui fiori di Mapplethorpe sono state ampiamente elogiate, ma è stato anche un fotografo che ha deliberatamente suscitato polemiche con immagini grafiche di nudi maschili e sesso gay. La sua carriera fu prolifica ma breve; morì a 42 anni dopo aver contratto l’AIDS.

Leggi la vita di Robert Mapplethorpe.


Michael Kenna (nato nel 1953)

Michael Kenna biografia

Di origine britannica, è uno dei fotografi di paesaggi artistici di maggior successo al lavoro oggi con le sue foto in bianco e nero scattate con fotocamere a pellicola di medio formato in stile minimalista. Sono spesso scattate in luoghi remoti con esposizioni molto lunghe. 

Leggi la vita di Michael Kenna.


Martin Parr (nato nel 1952)

Alcuni considerano Martin Parr un arguto osservatore della vita contemporanea, mentre altri lo vedono come un intellettuale elitario. Il suo stile inconfondibile con le sue immagini sature di colore ironiche e talvolta aspre scattate con flash di riempimento che ha diviso l’opinione, ma è senza dubbio uno dei fotografi documentaristi di maggior successo che lavorano oggi e il membro vivente più noto dell’agenzia Magnum. 


Weegee (1899-1968)

Weegee (Arthur Fellig) ha ottenuto il suo soprannome dalla parola “ouija” a causa del suo sesto senso sempre attivo quando si verificavano incidenti e scene del crimine che lui fotografava. Le sue fotografie, ampiamente pubblicate sui giornali dell’epoca, costituiscono oggi un affascinante resoconto della vita cittadina negli anni ’30 e ’40.


Horst P. Horst (1906-1999)

Noto per la sua lunga collaborazione con la rivista Vogue , Horst, nato in Germania, ha scattato fotografie di moda, ritratti, nudi e nature morte con un forte senso dello stile e dell’eleganza. La sua immagine più famosa è Mainbocher Corset (1939), una delle immagini di moda più conosciute del XX secolo.


Andreas Gursky (1955)

Gursky dichiara di essere “affascinato dalla condizione umana e dal suo contesto” ed è noto per le sue immagini digitalmente manipulate su larga scala che offrono una critica al mondo contemporaneo. I suoi soggetti spaziano dagli interni di edifici come fabbriche e aeroporti fino a paesaggi adornati da pannelli solari. Una delle sue opere, “Rhine II”, è stata venduta nel 2011 per 2,7 milioni di sterline.


Yousuf Karsh (1908-2002)

A metà del XX secolo “Karsh of Ottawa” era considerato uno dei fotografi ritrattisti più importanti al mondo. Un artigiano noto per la sua illuminazione meticolosa e drammatica, le sue immagini celebravano statisti, artisti, artisti e reali. I suoi ritratti più noti presentavano figure importanti tra cui Winston Churchill, Ernest Hemingway e Albert Einstein. 


André Kertész (1894-1985)

Andrè Kertész, nato in Ungheria, è stato un fotografo innovativo e influente che ha esplorato una vasta gamma di generi: immagini di strada, ritratti, paesaggi urbani, nature morte e nudi distorti. Aveva un’innata capacità di trovare il poetico nel quotidiano. Le immagini che ha realizzato che ora sono considerate iconiche includono Chez Mondrian (1926) e The Fork (1928).


Tony Ray Jones (1941-72)

Nonostante sia deceduto prematuramente a causa della leucemia all’età di soli 30 anni, Tony Ray-Jones ha lasciato un’impronta profonda sulla fotografia documentaristica. Le sue fotografie in bianco e nero erano attente, ben composte e ironicamente divertenti. Era affascinato dagli inglesi e li osservava con lo sguardo di un estraneo. La sua attenzione si concentrava soprattutto sul comportamento e sulle tradizioni della società britannica, esaminando anche il sistema di classi.


W. Eugene Smith (1918-1978)

Risoluto nella sua ricerca di una storia, Smith ha fotografato in prima linea nella seconda guerra mondiale prima di diventare una figura chiave nello sviluppo del saggio fotografico. Il suo lavoro include la rivista Country Doctor for Life , anche se il suo saggio fotografico più noto è un progetto fondamentale di due anni che documenta la città industriale di Pittsburgh, in Pennsylvania.


James Nachtwey (nato nel 1948)

Cinque volte vincitore della prestigiosa medaglia d’oro Robert Capa, James Nachtwey è un fotoreporter americano e membro fondatore della VII Photo Agency. Il suo lavoro include la copertura di guerre, conflitti e questioni sociali. È particolarmente noto per il suo lavoro sulla guerra in Iraq e sugli attacchi terroristici del 2001 al World Trade Center.


Nick Knight (1958)

Knight è un fotografo e videomaker di moda e pubblicità, noto per il suo approccio radicale ed influente. Le sue immagini spesso provocatorie sfidano le convenzioni tradizionali di bellezza. Collaborando con rinomati marchi come Alexander McQueen e Calvin Klein, oltre a riviste di prestigio come Vogue, Knight ha affrontato una vasta gamma di tematiche, tra cui quelle controverse come il razzismo e la disabilità.

E secondo te quali sono i fotografi più importanti della storia? Qual è il tuo migliore fotografo di sempre preferito?

Fotografia Moderna
Fotografia Moderna
Ho fondato Fotografia Moderna nell'estate del 2015 per dare una nuovo volto alla community di fotografi italiani. Iniziata come passione è diventato in poco tempo uno dei portali più cliccati d'Italia arrivando a raggiungere più di 1 milione di appassionati ogni anno. Cerco sempre notizie che possano interessare gli appassionati di fotografia, mi diverto a fare recensioni di attrezzature fotografiche, lezioni e consigliare con le guide all'acquisto alle migliori alternative sul mercato.
ALTRI ARTICOLI

1 Commento

  1. La fotografia divenne strumento inseparabile del viaggiatore e del giornalista, che la utilizzo per divulgare gli eventi e i luoghi meno accessibili. I primi fotografi di viaggio dovettero trasportare l’ingombrante attrezzatura necessaria alla produzione di immagini con i primitivi procedimenti al collodio umido. I primi reportage nacquero gia a meta ottocento. Stefano Lecchi documento l’assedio di Roma che porto alla Repubblica Romana del 1849. Nel 1855, quando Roger Fenton trasporto sui campi di battaglia della Crimea un carro trainato da cavalli con tutto l’occorrente per la preparazione e lo sviluppo delle lastre di vetro. Felice Beato fotografo in India e in Cina, dove documento il drammatico esito della seconda guerra dell’oppio. Ma non solo la guerra impegno i fotografi. Grazie al lavoro di William Henry Jackson il Congresso istitui il Parco Nazionale di Yellowstone e nel 1888 venne fondata la National Geographic Society, che finanzio numerose spedizioni nel mondo. Molti incarichi vennero affidati dalle istituzioni per la documentazione delle opere d’arte e delle citta. Vennero prodotti dei reportage dei sobborghi di Glasgow e di altre citta importanti, spesso accompagnate da studi sociologici e di analisi della popolazione.

Comments are closed.

ULTIMI ARTICOLI

LE MIGLIORI OFFERTE DEL GIORNO